USCIAMO DAL PETROLIO, SUBITO! Soldi nelle loro tasche, devastazione per il nostro territorio.

“POTENZA, 6 arresti per traffico e smaltimento di rifiuti, 60 indagati, sospensione della produzione di petrolio Eni in Val D’Agri e dimissioni del Ministro dello sviluppo economico Federica Guidi.” Con la sospensione della produzione del Centro Oli di Viggiano, a seguito degli arresti, si palesa da subito il ricatto a cui queste multinazionali vogliono sottoporre…

AVVERTENZE PER L’USO DEI MANIFESTI

Il Comitato Nazionale Vota SI per fermare le trivelle, tutti i comitati locali, tutte le associazioni impegnate nella campagna referendaria, non hanno più diritto, dal 2013,  ad affiggere i propri manifesti negli spazi comunali gratuiti in qualità di fiancheggiatori. Ne hanno diritto SOLO le Regioni promotrici del Referendum e i gruppi politici presenti in Parlamento.…

Verso il 17 Aprile: la piattaforma di studenti per l’ambiente

Il referendum del 17 aprile sarà una prima occasione per mettere in discussione le politiche del governo Renzi in materia energetica, ma anche di gestione del territorio e della democrazia.L’unico quesito per ora ammesso riguarda l’eliminazione dell’ ”immortalità” dei permessi di prospezione o trivellazione entro le 12 miglia (a fronte della sola sospensione prevista dal…

Referendum trivelle – I ‘pro Triv’, Claudio Velardi e le lobby fossili: chi paga? – contributo di Andrea Boraschi (Greenpeace)

Chiunque abbia una qualche frequentazione con i social media avrà notato, da qualche settimana, come gli italiani siano più appassionati di upstream e statistiche energetiche che di calcio o gossip. Moltissimi, stranamente (?), si mostrano in sintonia con le ragioni della grande industria e sono iperattivi in rete nel sostenerne le ragioni. Insomma: è nato…

Senza una vittoria al Referendum i nostri mari non sono al sicuro

  Il prossimo 17 aprile i cittadini italiani si recheranno alle urne per decidere se cancellare la norma che attualmente consente alle società petrolifere di cercare ed estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia marine dalle coste italiane senza limiti di tempo. Lo stato dell’arte è il seguente: ad oggi nessuna società petrolifera può chiedere nuovi permessi e nuove concessioni;…